WORKSHOP - Pentedattilo Film Festival

Search
Vai ai contenuti

Menu principale:

WORKSHOP

WORKSHOP

VENERDì 19 AGOSTO ORE 20.00 BIBLIOTECA DELLE DONNE

Dalla pagina allo schermo
WORKSHOP
Diretto da Christian De Vita - animatore e regista
INGRESSO GRATUITO
 
Dallo storytelling alla narrativa visuale. Christian farà un percorso dall'idea scritta all'immagine finale, tramite lo storyboard ed i punti principali dell' animazione 3D. Verranno mostrati alcuni dei lavori di Christian fra cui lo storyboard di film pluripremiati come “Fantastic Mr Fox” di Wes Anderson e "Frankenweenie" di Tim Burton. Inoltre ci mostrerà il suo lavoro sui PJ Mask e come dalle pagine della sceneggiatura, attraverso lo storyboard, si arriva poi al prodotto finale.


Christian De Vita Diplomato all’ Istituto Per il Cinema e Televisione Roberto Rossellini di Roma nel 1992, Christian si trasferisce subito a Londra alla ricerca di lavoro in animazione. Dopo alcune posizioni in diversi studi della capitale Inglese lavorando su diverse serie televisive e spot pubblicitari, Christian viene invitato ad unirsi al team di animazione per il lungometraggio Americano Space-Jam della Warner Bros. Dopo un periodo di regia e storyboard per produzioni come Aardman Animation, Cartoon Network, Disney, Fox, Warner Bros, Columbia Records, Mercury Records, Sony BMG, Leo-Burnett London, TBWA London, a Christian fu chiesto di unirsi al team dello storyboard dell’acclamato “Fantastic Mr. Fox” di Wes Anderson. Christian si è affermato come Lead Story Artist del pluripremiato film e da allora ha lavorato di nuovo per Anderson in una serie di progetti, sia spot pubblicitari, fra cui “Moonrise Kingdom”, in cui è produttore a regista dell’animazione dei cortometraggi animati creati per accompagnare la promozione del film, e “Grand Budapest Hotel” in cui disegna le scene iniziali del film ed anima i titoli di coda. Ha realizzato anche il sogno di lavorare con Tim Burton curando lo storyboard di “Frankenweenie”. Nel 2010 Christian è stato premiato con l’ASIFA Animation Art Award per il suo contributo all’animazione italiana. Ha fatto parte del team Art & Design del film “Isle of Dogs” di Wes Anderson, premiato come miglior film d’ animazione con Oscar, Bafta e Golden Globe.
Negli ultimi 6 anni Christian è a capo della famosissima series PJ Masks (Super-Pigiamini) per la Disney, che tuttora dirige e scrive.


DOMENICA 21 AGOSTO ORE 21.00 BIBLIOTECA DELLE DONNE

La scatola magica
Masterclass di regia
Diretta da Daniele Ciprì
INGRESSO GRATUITO

Cos’è il cinema? Dove nasce? Come si esprime?
Domanda difficile per cui il maestro Ciprì fornisce le sue risposte. Il suo cinema è il racconto della realtà attraverso una scatola magica. Ci racconterà gli esordi lontani dal grande schermo, quando faceva il fotografo di matrimoni, all’approdo alla grande avventura chiamata cinema con Franco Maresco con film come "Totò che visse due volte"(1998) e "Il ritorno di Cagliostro"(2003), fino alla regia solitaria con "È stato il figlio" (2012). Ma anche i suoi successi internazionali come direttore della fotografia, in film come "Vincere"(2009) di Marco Bellocchio e  “Il primo Re” (2020) di Matteo Rovere. E cercherà di rispondere alle impossibili domande: come si racconta la realtà attraverso un film? Quali sono gli strumenti necessari per affrontare un percorso di creazione cinematografica? E in che modo si può restituire il proprio immaginario attraverso la cinepresa? Daniele Ciprì ci svelerà dove ha imparato ad immaginare, cosa sente l’urgenza di raccontare ed il suo rapporto con la Contemporaneità e l’evocazione, il lavoro sul set, le collaborazioni che lo hanno segnato e come si può imparare a fare cinema oggi.
Per questa scatola che, ancora oggi, rimane magica.

Daniele Ciprì (Palermo, 17 agosto 1962) è un regista, sceneggiatore e direttore della fotografia italiano. Si fa conoscere alla fine degli anni ottanta per i suoi lavori alla regia in coppia con Franco Maresco nel duo Ciprì e Maresco, nella serie di sketch di Cinico TV, in onda su Rai 3, e in vari film fra cui gli indimenticabili “Lo zio di Brooklyn” (1995) e “Totò che visse due volte” 1998.  Nel 2008 il duo artistico si scioglie e Ciprì prosegue la carriera da solo. Nel 2002 ha debuttato a teatro con “Palermo può attendere”. Nel 2005 ha scritto e diretto lo spettacolo teatrale “Viva Palermo Viva Santa Rosalia” con Franco Scaldati e Mimmo Cuticchio. Come direttore della fotografia ha lavorato al fianco di registi del calibro di Renato De Maria, Marco Bellocchio e Roberta Torre, Grassadonia e Piazza, Claudio Giovannesi. Nel 2009 ha vinto al Chicago International Film Festival il premio della fotografia per Vincere, per il quale si è aggiudicato anche numerosi premi in Italia fra cui il David di Donatello. Con È stato il figlio (2012) si è aggiudicato il Premio Osella per il migliore contributo tecnico alla 69ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. Nel 2013 ha vinto il Nastro d'argento al regista del miglior film.Nel 2020 arriva il suo secondo David di Donatello, per la fotografia de “Il primo Re” di Matteo Rovere.
SABATO 20 AGOSTO ore 17.00 - BIBLIOTECA DELLE DONNE
WORKSHOP DI SCRITTURA
con Michele Caccamo
Ospite speciale: Aldo Nove
INGRESSO GRATUITO

Michele Caccamo è uno scrittore e drammaturgo.
Nato a Taurianova il 21 dicembre 1959, ha collaborato, tra gli altri, con Maurizio Fabrizio, Piero Pintucci, Goran Kuzminac, Massimo Germini. È direttore del marchio editoriale Emersioni e della collana Tasti della casa editrice Castelvecchi. Fondatore ed Editore del gruppo editoriale Readaction. Tra le varie rappresentazioni teatrali scritte dall';autore si ricorda Il segno clinico di Alda, uno spettacolo teatrale tratto dal libro Dalla sua bocca – riscritture da undici appunti inediti di Alda Merini con la partecipazione di Maria Grazia Calandrone, Edoardo De Angelis e Luisella Pescatori e con la regia di Martino Palmisano. Per il magazine Fare Music cura la rubrica Parole e poesia di Caccamo e la rubrica Musicafè - Suoni del mondo sul magazine ceco Cafè Boheme. È il direttore della collana "Emersioni" della casa editrice Castelvecchi ed è fondatore ed editore della casa editrice Il seme bianco. Cura una rubrica culturale presso l'HuffPost. È padre di Gabriele e dell'attore Cristiano Caccamo. Le sue opere sono state pubblicate e tradotte in Egitto, Yemen, Indonesia, Siria, Palestina, Sud Asia, Russia, Cile, Argentina, Messico, Spagna, Francia, Stati Uniti. È riconosciuto dal mondo della cultura araba come Poeta della fratellanza.


Aldo Nove (pseudonimo di Antonio Centanin) è nato nel 1967 a Viggiù, in provincia di Varese, e vive a Milano. È laureato in Filosofia morale. Ha esordito giovanissimo con la raccolta poetica Tornando nel tuo sangue, a cura di Milo De Angelis. Nella collana bianca di Einaudi ha pubblicato Nelle galassie oggi come oggi. Covers (2001, con Raul Montanari e Tiziano Scarpa), Maria (2007), A schemi di costellazioni (2010), Addio mio Novecento (2014) e Poemetti della sera (2020). Tra i suoi libri di narrativa, Woobinda (1996, a cura di Nanni Balestrini), Amore mio infinito (2000), La vita oscena (2011), da cui l’omonimo film di Renato De Maria, e Tutta la luce del mondo (2014). Ha inoltre pubblicato I tarocchi, con Mimmo Paladino (Istituto Treccani 2017), e Franco Battiato (2020). Fuoco su Babilonia! è il suo più ampio volume di poesia. Edito da Crocetti nel 2003, raccoglie i primi due libri e alcuni testi giovanili di Aldo Nove composti dal 1984 al 1996.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu