JOHN STRASBERG: ACTING WORKSHOP - Pentedattilo Film Festival

Search
Go to content

Main menu:

JOHN STRASBERG: ACTING WORKSHOP

WORKSHOP 2017-2018
Workshop intensivo di recitazione con
John Strasberg
condotto da John Strasberg


 
Il lavoro sarà basato sui testi di Tennessee Williams e Luigi Pirandello
 
Periodo dal 26 Agosto al 31 Agosto 2018
 
6 ore al giorno
 
Presso: Pentedattilo Film Festival - Pentedattilo, Reggio Calabria
 
Organizzato da: Ram Film - www.ramfilm.it
 
I selezionati saranno invitati successivamente a compilare un modulo di domanda, ad effettuare un bonifico (e/o saldare il workshop con carta di credito, Paypal, Postepay ecc.).
 
Il Pentedattilo Film Festival rilascerà un attestato di partecipazione del workshop con John Strasberg.
 
Il lavoro sarà di 6 ore durante la giornata e si svolgerà a coppie.
Le coppie verranno formate da John Strasberg che assegnerà ad ogni coppia una scena da studiare in lingua italiana.
Le scene verranno presentate in successione e John lavorerà con ognuno singolarmente.
Non è necessaria la conoscenza della lingua inglese perché sarà presente una traduttrice.
 

Per gli attori e le attrici la selezione verrà effettuata tramite Curriculum Vitae e n. 1 foto (primo piano, mezzo busto o figura intera) da inviare alla segreteria del Pentedattilo Film Festival ed esclusivamente alla seguente email: pffworkshop@gmail.com entro il 30 Luglio 2018.
 
nella email scrivere gentilmente nell'oggetto: WORKSHOP STRASBERG - NOME_COGNOME Candidato/a
 
 
Partecipanti (max 16 - 8 attrici ed 8 attori)

 
Quota 600 € (Compresa IVA, senza alloggio)
 
 
Quota 1.000 € (Compresa IVA, alloggio in periodo considerato alta stagione, pick up e drop off)
 
 
 
È possibile candidarsi anche come uditori per assistere alle giornate di lavoro, dal 26 al 31 Agosto 2018, presso il Pentedattilo Film Festival.
 

Uditori (max 6 persone – rivolto a registi, drammaturghi, commediografi, sceneggiatori)
Quota 250 € (Compresa IVA, pick up e drop off) nella email scrivere gentilmente nell'oggetto: WORKSHOP STRASBERG UDITORE - NOME_COGNOME Candidato/a
 
John Strasberg è figlio d’arte. Suo padre, il mitico regista Lee Strasberg, ha diretto l’Actors Studio di New York. Sua madre, Paula Miller, era attrice e insegnante di recitazione di Marilyn Monroe, sempre all’Actors Studio, mentre Susan Strasberg, sua sorella, venne candidata al Golden Globe negli anni Sessanta. John lavora come attore e regista in molte produzioni teatrali e cinematografiche, inizia ad insegnare recitazione nel 1964, dal 1980 anche in Europa, soprattutto in Francia e Spagna.
A New York fonda John Strasberg Studios dove insegna regolarmente e nel 2005 fonda l’ART Accidental Repertory Theatre. Il suo metodo di insegnamento è chiamato the Organic Creative Process la cui tecnica base è conoscere se stessi e conoscere come utilizzare se stessi.
www.johnstrasbergstudios.org     

La Masterclass si basa sullo sviluppo del processo creativo organico di ogni attore, un processo creativo profondamente personale basato su uno sviluppo consapevole e intuitivo che aiuta l'attore a entrare dentro il mondo del personaggio, trasformando se stesso. I bravi attori vivono in un altro mondo. I grandi attori vivono in un altro mondo come se fossero qualcun altro. Gli attori impareranno il coinvolgimento, il sogno, l'immaginazione, gli sprazzi di intuizione, e impareranno a leggere e capire un copione o una sceneggiatura. Questo è quello che conta.La tecnica non è un processo meccanico e lineare. La classe di studio sarà già una prova generale, più che una lezione. L'amore, la passione, la disciplina e la dedizione era quello che rendeva unico al mondo l'Actors Studio: il lavoro di John Strasberg continua a incarnare quel metodo.

             

“What makes an artist? What makes him or her creative, going beyond technique? The answer is profoundly simple, the ability to be inspired, able to live spontaneously in the context of the character and the play(….). Real thoughts are simple, personal, profound, they come from what you sense and feel. They are more spontaneous. They are not correct, or intellectualized, and mechanical. Recognizing the difference, you think like a human being, putting yourself into the character’s shoes.”
John Strasberg   
 
Back to content | Back to main menu